Recensione de “Il profumo del sud”.

11655602_10205402855085429_315471740_n
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

 

Il romanzo storico sentimentale di Linda Bertasi.

11657428_10205402855125430_659443506_n   Non avevo mai letto un romanzo di Linda Bertasi, anche perché il genere di romanzo con sfondo spiccatamente sentimentale dominante, non ha mai rappresentato per me un’attrattiva naturale in fatto di scelte letterarie. Tuttavia, mi è sempre piaciuto assaggiare ogni forma e tipo di lettura e, prima di esprimere qualsiasi giudizio mi piace arrivare fino all’ultima pagina, cercando di evitare a priori i romanzi d’amore, horror e dove il fantasy supera la verosimiglianza. Dopo averlo letto e goduto, ecco la recensione per chi segue il mio blog.

Mi sono avvicinato a “Il profumo del sud”, il suo terzo romanzo, per la promessa implicita del genere storico, convinto che un romanzo, ogni romanzo, per poter essere definito tale, debba contenere tutti gli ingredienti propri della vita.
Ebbene, mi permetto di svelare che, in questo, manca solamente la rappresentazione fisica degli scontri fra nordisti e confederati, la descrizione banale della vista del sangue, ma per il resto lo reputo un’opera completa.

Non posso affermare di averlo letto d’un fiato, avendolo gustato, invece, a piccole dosi; ha conciliato il mio sonno per diverse sere, senza la fretta di arrivare alla fine del “buon viaggio con Anita”che Linda ha voluto augurarmi nella sua ben gradita dedica. Non manca l’avventura, quella di una donna che lascia, dopo aver scoperto una verità che le era stata nascosta dalla nascita, la propria terra natia italiana per affrontare un viaggio verso l’ignoto.

La protagonista, la nobile Anita Dalmasso, vorrebbe cancellare tutto il proprio passato, tanto da fornire fin da subito un nome falso (Isabella Giordano) e cercare di dimenticare persino tutto ciò che si porta dentro. Il viaggio della protagonista è reso assai appassionante grazie agli incontri di Anita con due persone speciali durante la navigazione verso il nuovo mondo, Justin e Margie, e una terza che sarà la sua ombra e il suo sostegno, Christopher, nei momenti più difficili durante la sua permanenza  nel sud di un America alle prese con la più sanguinosa delle pagine della sua storia, quella di secessione.

Una cosa che mi è piaciuta tanto, e che ho apprezzato con intenso piacere intrinseco, è la capacità dell’autrice nel descrivere gli ambienti e le scene, compresi i caratteristici vestiti d’epoca e il tratteggio delle particolarità dei personaggi, oltre che le differenti emozioni provate dai protagonisti. Sembra quasi di assistere agli sguardi fugaci dei primi approcci fra Isabella e Justin, di vedere i loro alterchi nella descrizione delle prime scene.

C’è molta storia in questo romanzo, a volte solo solo accennata, in altre invece protagonista essa stessa, dalla vigilia dell’unità d’Italia a quella della guerra di secessione americana, che condiziona molto da vicino le vicende dei vari protagonisti. Prima che Nord e Sud entrino nel vivo del conflitto, abbiamo il tempo di goderci l’affresco che Linda Bertasi pone sotto i nostri occhi con abili pennellate dei posti e degli ambienti, man mano che si prosegue nella lettura. Sembra di vedere i colori, sentire i profumi delle stagioni e scorgere il lavoro degli schiavi nelle piantagioni.

Le storie, i vari generi di storie, possono anche non piacere o non appassionare, se come me si amano altri tipi di narrazioni, ma una cosa è certa: lo stile dell’autrice è leggero e godibile. Faccio solo un paio di appunti riguardo al romanzo. Il primo è che avrei preferito un altro finale per questa storia – non entro nel merito per non rivelare troppo. Il secondo è il fatto che i due protagonisti dell’intensa storia d’amore passino repentinamente, troppo forse, dal quasi evitarsi al letto. Sarà che qualcosa mi sia sfuggito, ma penso seriamente che questa bella storia d’amore non sia stata ben definita e descritta nei particolari, soprattutto nei sentimenti e nell’intensità che ci si aspetterebbe dal genere fortemente sentimentale. Ma questo ultimo elemento lo reputo assai positivo e, personalmente, non è affatto dispiaciuto, anzi, perché le storie troppo sdolcinate non riesco a digerirle.

Consiglio vivamente a tutti di leggere “Il profumo del sud”, romanzo appassionante e intrigante.

Mi chiedo, infine, cosa ne pensino gli altri lettori: preferireste che un romanzo d’amore parli solo di questo sentimento fra i protagonisti e quello d’azione e avventura descriva solo di scontri guerreschi o lotte fra i personaggi senza sganciarsi da questi moduli, o che ogni romanzo mescoli i vari ingredienti perché possa essere godibile per tutti?

Il profumo del sud di Linda Bertasi

QUALIFICA DI MERITO COME ‘AUTORE COMMENDEVOLE’ AL VII PREMIO LETTERARIO EUROPEO ‘MASSA CITTA’ FIABESCA DI MARMO E MARE’

CON CONTENUTI INEDITI E LA PREFAZIONE DI ADELE VIERI CASTELLANO

SITO UFFICIALE: http://ilprofumodelsud.blogspot.it/

BOOKTRAILER:  https://www.youtube.com/watch?v=LpYYP0m0HHs

DOVE TROVARLO:  http://www.amazon.it/profumo-del-sud-Linda-Bertasi-ebook/dp/B00Z3TNZPA/ref=sr_1_6/280-4617613-5049727?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1433742808&sr=1-6

BIOGRAFIA:  LINDA BERTASI nasce nel 1978.

Appassionata di storia e letteratura inglese, collabora con blog letterari, case editrici e web-magazine in qualità di redattrice e articolista. Gestisce personalmente  il suo blog ufficiale dove da ampio spazio agli emergenti con segnalazioni, interviste e recensioni GRATUITE.

Nel Gennaio 2010, pubblica il romance contemporaneo “Destino di un amore”, cui fa seguito nel Febbraio 2011 il paranormal-romance “Il rifugio – Un amore senza tempo”che le vale, nel 2012, la Medaglia d’Argento al XXIII Premio Letterario ‘Valle Senio’. Nel Maggio 2013, pubblica il romanzo storico sentimentale “Il profumo del sud” che le vale la qualifica con merito di ‘Autore commendevole’ al VII Premio Letterario Europeo ‘Massa città fiabesca’.

Sempre nel 2013, ha curato diverse prefazioni e dall’ottobre 2014 è membro dell’associazione EWWA  in qualità di socia ordinaria. Proprietaria di una piccola realtà commerciale nella provincia di Ferrara, vive assieme al marito e alla figlia.

Pino Campo

Iscriviti alla mia Newsletter per non perderti un articolo
Inserisci la tua migliore EMAIL e subito dopo riceverai un mio regalo e avrai accesso alla newsletter

Lascia un commento da Facebook

Leave A Response

* Denotes Required Field