0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Il Tribuno Pretoriano

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Il nuovo libro di Pino Campo

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

L’idea di questo romanzo, nasce dalla voglia dell’autore di narrare la vera storia del santo che ha dato il nome al proprio paese natale, San Teodoro, vissuto a cavallo fra la fine del terzo e l’inizio del quarto secolo.

Per raggiungere il proprio scopo, è cosciente della necessità di doversi documentare al meglio.

Per raccontare le vicende di Teodoro, l’autore sceglie di servirsi di un personaggio di fantasia, appunto il tribuno Livio Ventidio, di estrazione pagana e individuo con storia propria, ma che si intreccia inevitabilmente con quella del cristiano ancora imberbe, in modo indissolubile.

Il forte carisma di Teodoro, prima quasi per puro caso e in seguito forzatamente, finisce per attrarre il pretoriano.

Livio, per una concomitanza di eventi lascia Roma nell’anno 293 per recarsi in oriente, ove sarà testimone degli avvenimenti successivi, non venendovi a conoscenza per caso, ma vivendoli in prima persona e a contatto quasi diretto con Teodoro.

Alla fine del terzo secolo l'Impero Romano è retto da un imperatore assai accorto e fine stratega: Diocleziano.

Molti dei suoi predecessori sono caduti per mano amica in congiure varie e continue lotte per il potere, mentre Lui è l’unico che sia riuscito a detenere la reggenza da oltre un decennio. Anche Diocleziano però, ha dei nemici da cui doversi guardare le spalle.

Alcuni di loro hanno un sogno: restaurare la Repubblica alla vecchia maniera, retta solo dal Senato. Altri invece sognano solo di prendersi il suo immenso potere ordendo un complotto.

Per uccidere Diocleziano viene scelto il valoroso tribuno della guardia pretoriana Livio Ventidio che, però, svolge il proprio servizio a Roma, mentre l’Imperatore ha una nuova sede: Nicomedia, in Asia Minore.

Il più grande desiderio di Livio è proprio quello di trasferirsi in oriente. Lo fa insieme alla settima coorte di pretoriani che comanda. A tutti i costi voleva lasciare l’Urbe, finalmente ci stava riuscendo.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

il-tribuno-pretoriano-big

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Il tribuno, al suo arrivo nella capitale della provincia di Bitinia, non solo non trova Diocleziano ad attenderlo, ma gli viene ordinato di affrontare la sua prima missione di guerra contro il popolo dei sarmati. Missione che lo porta assai lontano dal suo obiettivo.

In questa nuova campagna conosce soprattutto l'amore e, dopo varie avventure, scontri armati contro i barbari e rischiato più volte la propria vita, riesce finalmente ad incontrare l'Imperatore…

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

3 Motivi per leggere questo libro

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
  • Il Passato Descritto in Chiave Moderna

    Il racconto riporta in modo fedele e dettagliato gli usi e i costumi del tempo e le vicende dei diversi personaggi storici che per volere del fato si incrociano. Il tutto descritto attraverso l’uso di un linguaggio moderno, semplice e scorrevole.

  • Svelata un Storia Diversa da Quella Insegnata

    Diocleziano, considerato fin ora solo come l’ultimo grande persecutore, tacendo invece che fosse un precursore, ideando ad es. c la capitazione, un modo nuovo di applicare le tasse, calcolata in base ai possedimenti.

  • Un Romanzo Coinvolgente e Scorrevole

    Il protagonista, che anela alla conoscenza di tutto ciò che sta lontano da Roma, e le avventure che è costretto ad affrontare proprio a causa della sua insaziabile sete di sapere, comprendere e ammirare…

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

L'autore

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Pino Campo

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×

pino campo scrittorePino Campo, nasce a San Teodoro circa 50 anni fa (da qui la prima spinta a scrivere quello che poi prenderà il titolo definitivo de “Il tribuno pretoriano”) vive a Cesaro’, dove lavora come dipendente del meraviglioso Parco dei Nebrodi, sempre in provincia di Messina.

La sua passione per la scrittura nasce e si sviluppa assai presto, già dalle medie, traendo spunto dall’altra sua più grande passione, la lettura, che gli viene trasmessa dal professore di lettere, di nazionalità greca.

In quel periodo divora quasi tutti i classici per ragazzi, da Verne a Salgari, a Dickens, Scott, Twain, Stevenson, Defoe, Dumas e le avventure di Pierre Radisson.

Da questi apprende e assimila i dettami dello scrivere e gli stili, legati ai diversi modi dell’esprimersi su carta.

Durante gli studi superiori e per qualche tempo dopo, la scrittura viene messa da parte per motivi lavorativi e familiari.

Dopo varie vicissitudini personali ed economiche, che riesce a risolvere grazie a una felice intuizione, la grande passione per la scrittura ritorna prepotentemente a istigare Pino Campo all’età di quarant’anni.

Lo stimolo arriva dalla lettura dei romanzi di Camilleri e Valerio Massimo Manfredi e dal forte desiderio di trasmettere agli altri l’amore per la propria terra e per lo studio di tutto ciò che è relativo a essa.

Il risultato di questo processo è la stesura, in un misto di italiano/dialetto siciliano, del primo romanzo: “Il giardino di casa”, che pubblica nel 2010, nel quale versa alcune avventure giovanili, parecchia tradizione locale e molta autobiografia.

È in procinto di pubblicare il suo terzo romanzo, il seguito de “Il giardino di casa” e, intanto, è impegnato a completare la stesura del quarto, del quale tiene ancora riserbo.

Di una cosa è certo... NON smetterà MAI di scrivere.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

La narrazione semplice e scorrevole si lascia gradevolmente seguire. E pur nella sua semplicità è sicuramente frutto di un assiduo lavoro interiore, profonda riflessione,ricerca e acuta attenzione alle scene di vita della gente comune. Vengono descritte con estrema cura luoghi, paesaggi, eventi climatici; la stessa cura è riservata alla rappresentazione dei personaggi con tutte le loro caratteristiche psico-fisiche:fisionomia, carattere, atteggiamenti, comportamenti,travagli interiori...

Pino Ragusa
Pino Ragusa Insegnante

Complimenti e Auguri. In ognuno di noi troviamo un Pitrinu, in ognuno di noi che lottiamo per difendere quello che è stato costruito dai nostri padri, grandi uomini che hanno dedicato la propria vita al lavoro per la famiglia, e che in ognuno di noi hanno trasmesso dei sani principi e l'attaccamento alla propria terra, non come bene materiale, ma come un qualcosa di sacro, qualcosa di grande, un sogno sempre acceso che bisogna custodire per evitare che i "Militello" di turno possano spegnerlo. Complimenti, complimenti a te! Quando uscirà il prossimo????

Toni Longo
Toni Longo Libero Professionista
0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×
0 Flares Filament.io 0 Flares ×